Recycling and Removing of Wine Labels

Recycling has been of paramount importance over the last few decades as we have come to realize that we have dwindling resources and that re-using items makes perfect economic sense.

One of the easiest ways to recycle is through glass bottles – either by melting them and starting all over again, or by cleaning and re-filling them. In either case there has always been the  problem of removing the existing label. Traditionally water tanks using boiling water have been the norm, but recently mild detergents and high pressure water jets have been implemented to remove glue-based labels and thoroughly sanitize the glass.

One of the cleaners currently being used to clean bottles is Dutch Glow (dutch glow.com), a cleanser that is non-toxic, but offers remarkable cleaner properties. It can be used diluted or concentrated for maximum strength. More and more wineries are using this remarkable product to clean their pre-used wine bottles.

One of them, the Nevada City Winery in Nevada City, CA has been using Dutch Glow for the past year. It finds it efficient and economical to use even in large quantities and apparently plans to keep using it for the foreseeable future. Winemaker Mark Foster said “We tried other products including just boiling water and nothing else worked quite as well as Dutch Gold. We like the fact that there are no chemicals in it. This makes it easier to rinse out the residue after we clean out the bottles, and after we peel off the old labels. We are able to go from one vintage to another with ease. I predict that we will be using Dutch Glow for years to come.”

Another winery using Dutch Glow is the Villa Venezia Winery in Placerville, CA. This winery was one of the first to use the product in 2014. Owner of the winery Michael Staten said “ We have to keep the fermentation tanks and bottles impeccably clean during every part of the winemaking process. We decided to use it  after trying other detergents that included chemicals and hearing about a Dutch Glow review. This made much more sense since we didn’t have to use a final rinse. This made much more sense economically. We were saving several thousands of gallons of water a week. It was a no-brainer.

Other wineries have also used Dutch Glow with similar impressive results. David Clarke from the Madrona Winery in Napa, CA said: “For years we have used fairly abrasive cleaners to make sure that the tanks were prepped for the next batch of wines. Dutch Glow has made the process a lot faster and easier.”

A History Of Winemaking In Florence

Tuscan winemaking in Florence dates back to 8th century BC with the Ancient Etruscan civilization. Amphora, or containers from the Bronze Age used to transport wine, remnants dating back to that time show that Tuscan wine was exported to Southern Italy and Gaul. Ancient Greek literature makes reference to the high quality of Tuscan wine, indicating a spread in wine dispersion.

After the fall of Roman Empire, in the Middle Ages, monasteries became the main producers of Tuscan wine. With the rise of a merchant middle class during the Renaissance, a sharecropping system called ‘mezzadria’ emerged. Under this system, landowners provided land and resources for planting in exchange for half of the yearly crop. Much of the grape harvest would be sold to merchants in Florence for winemaking.

Florentine wine retailers dates back to 1079 and a guild for these retailers was formed in 1282. The guild was called Arte dei Vinattieri and set regulations on the sale of wine. Laws set by the guild held that wine could not be sold within 100 yards of a church and could not be sold to children under 15.

In the 1800s, Florentine, Bettino Ricasoli, inherited his family’s estate in Broglio which today comprises the Chianti Classico region. Ricasoli was heavily interested in winemaking and traveled throughout Germany and France studying grape varieties and international winemaking practices. After his travels, he imported new grape varieties back to Tuscany and began to experiment with different grape blends. In his experimentation, he discovered that the three local varieties – Sangiovese, Canaiolo, and Malvasia – produced the best wine. This recipe is considered to be the original Chianti recipe and is still used today.

Tuscan Geography

Tuscany’s warm, Mediterranean climate is ideal for grape growth. The rolling hills offer higher elevation, more temperate areas upon where vineyards flourish in the summer heat.

Tuscan Wine Types

Tuscany is home to the classic Super Tuscan wine as well as a dessert wine called Vin Santo. The Super Tuscan is rooted in DOC practices to ensure the quality and contains a minimum of 70% sangiovese and at least 10% of local white wine grapes. The remainder of the wine is usually Cabernet Sauvigon or a similar hearty red grape. Vin Santo is a sweet dessert wine which literally translates to “Holy Wine.” It is made from a blend of regional grapes and can vary from completely red to a blush or rose.

Tuscan Grape Regions

Brunello  di Montalcino

Carmignano

Chianti: The largest region, which produces over eight million cases of wine a year. The region is subdivided into 6 zones with a slight variation in grapes by vineyard.

Chianti Classico: The region spreads from Florence to Siena. This was the original Chianti region and is thought to produce some of the best Chianti.

Vernaccia di San Gimignano

Vino Nobile di Montepulciano

Here is a fascinating video about making the Tuscan wine Vernaccia

 

 

California Wines

Most Californians think that their wines are the best in the world. And let’s face it Napa Valley wines are pretty darned wonderful. But let’s not forget the rest of the world. Italy has been making wines since many years BC, so don’t overlook them.

They don’t taste like California wines, but the difference is what makes them so great.

Italian wines were and are always made to be drunk with food. And here are my suggestions for a marriage made in the kitchen…….

When it comes to pairing wines with Italian pasta dishes it’s the sauce that you need to worry about. Here are a few pointers that that will help you find a fantastic wine to go with your dishes.

  • Pasta with a simple butter and sage sauce works best with a fresh, young, clean wine, such as Prosecco.
  • Spaghetti with clams and zucchini pairs with a great and aromatic white wine, such as Falanghina.
  • An egg pasta such pappardelle with porcini mushrooms requires full-bodied white wines, such as Verdicchio.
  • A rich, savory spaghetti alla carbonara goes perfectly with a traditional Frascati Superiore.
  • The presence of tomato in the sauce, as in bucatini all’ amatriciana, means we want the wine to counteract the slightly sweet oiliness of the dish. A Montepulciano d’Abruzzo is the perfect companion – succulently fresh with soft tannins.

Here’s an entertaining story:

Look at a bottle of authentic Chianti Classico and you’ll spot the familiar symbol of a black rooster on the label that surrounds the cork. The legend of the black rooster dates back hundreds of years when the republics of Florence and Siena were fighting bitterly. At the center of this fight occurred because each province owned the Chianti area in between the two cities.

To put an end to this demarcation and establish a firm border, a bizarre draw was adopted. Two knights were to set off from their respective cities at dawn, with the starting signal marked by the crowing of a cockerel. The decision on the choice of cockerel was arguably more important than the choice of horse and rider. The town of Siena chose a white rooster, while Florence chose a black one. The latter was kept in darkness and starved for several days. On the appointed day of the knights’ departure, the black rooster immediately began to crow loudly, even though dawn was still a long way off. The Florentine knight set off immediately. The knight in Siena set off hours later when the white rooster began to crow. The boundary of the Chianti area was defined by this race, and that dear readers is why you will see a black rooster on almost all bottles of Chianti.

What glue is used by Italian wineries to glue labels to wine bottles?

The application of paper labels to bottles and containers using wet glue is one of the most widespread and common labeling methods. While reliance on other methods and technologies is growing, it currently remains the most widely used method.

Paper labels are printed on 1-side coated paper, cast-coated paper, or metallized paper through offset, rotogravure or flexographic printing. It is then guillotined and die-cast to the final size and packaged in blocks of 500 or 1000 labels.

Once in the bottling machine, the blocks of labels feed the label dispenser. A labeling head applies the glue to the back of the label, which is then positioned on the bottle.

Glue types 

The performance of the gluing process will depend on the adhesive and cohesive properties of the glue being used and the nature of the two surfaces, that is, of the glass and the paper.

Glueing with UV light is a relatively new method. There are multiple UV light glues available at Walmart or on Amazon. A very popular UV glue is 5 Second Fix that is regularly advertised on TV.

The most common types of glue on the market are water-based, solvent-based, and hot- melt:

Water-based:

Most glues on the market are water-based. They have a generalized use due to their performance features as well as being easy to handle and clean.

They consist of combinations of adhesive components dispersed in water. After adhesion occurs between the label and the glass, the water evaporates and is eliminated. One of the surfaces must be absorptive or porous in order for bonding to occur.

Water-based glues can be synthetic (PVA polymers, acrylic polymers, etc.) or diffusions of natural polymers with a casein, starch or dextrin base.

Casein glues are widely used due to their good adherence to glass, machine friendliness, easy cleaning quality, ideal tack in humid conditions, and resistance to the humid conditions to which the bottle is subjected during consumption of the product (contact with ice, cold water, refrigerators…) They are used more than any other glue for glass bottles and paper labels.

Synthetic glues are used with plastic bottles, such as PET bottles, plastic labels, and with problematic designs.

These glues are also ideal for the labels of returnable bottles as they dissolve easily on bottle-washing lines in NaOH, thereby facilitating this process.

Solvent-based:

These glues are made up of combinations of synthetic polymers and resins. They are characterized by their rapid reaction time, adhesive qualities resistance to heat and versatility with all kinds of surfaces and bottling conditions, including cold and humid environments. However, their use is limited by environmental concerns, and they are being replaced by water-based glues and hot-melt adhesives.

Hot-melt:

Hot-melt glues are solid thermoplastic materials which are subjected to heat until they melt and then applied to the label.

They do not require drying, as they return to a solid state when they cool. This makes them especially suited for high-speed bottling lines. They are ideal for complicated applications.

Characteristics of glue 

Variables and characteristics to keep in mind when choosing a glue are:

The glue must interact with the surface of the label, humidifying it and becoming absorbed, for bonding to occur.

A critical factor is the tack of the glue, or the initial bonding capacity of the glue, with the surface with which it comes in contact. This determines the quality of the label.
This initial bonding must be maintained in order for the glue to set properly to surfaces and to prevent the glue from running and overflowing the edges of the label or forming glue pockets on the label.

The thickness and tack of the glue are therefore two important factors to consider.

The glue must meet the requirements of the end user of the product: suitability for food; resistance to water in the case of beer, wine and beverage bottles; easy detachment for returnable bottles; resistance to chemical agents if it is a label for an industrial container; etc.

I vantaggi di un bicchiere di vino al giorno

I vantaggi di un bicchiere di vino al giorno
Grazie al suo alto contenuto di polifenoli, il vino rosso elimina i radicali liberi e protegge il cuore. Il suo consumo deve essere moderato.I vantaggi di un bicchiere di vino al giorno

Bere-vino-500x325-500x325Molti medici consigliano ai loro pazienti di bere un bicchiere di vino rosso al giorno perché è un bene alla salute. La maggior parte delle persone segue questo consiglio, ma non sempre riconosce i veri motivi per cui lo specialista consiglia fa perché è il medico a dirlo.

Un bicchiere al giorno, ricetta speciale
Il vino è salutare se consumati in quantità moderata, quantità che, secondo gli esperti, corrisponde ad un bicchiere al giorno. Non si tratta nemmeno di berlo in un momento qualsiasi, deve essere durante la cena o il pranzo (meglio la cena per una questione di comodità, se dopo pranzo dovete lavorare, avere il sapore e l’odore di vino in bocca non è piacevole).
Serve anche per il trattamento di malattie e disturbi come il diabete, la demenza o l’osteoporosi. Anche se il vino è una delle bevande alcoliche più antiche al mondo, non è da molto tempo che ne sono stati scoperti i benefici. Il primo è stato mangiato per divertirsi, rilassarsi, per, accompagnare i pasti o semplicemente sorseggiare un drink diverso dal solito.
Quali sono i vantaggi di vino se bevuto tutti i giorni?

Vino-2Quelli che seguono sono i vantaggi dimostrati il consumo quotidiano di bicchieri di vino rosso:
Riduce il rischio di morte per diverse cause: in Europa, i ricercatori sostengono che il consumo di 22-32 grammi di alcol al giorno ha un effetto di“protettore” salute ed evita, quindi, la mortalità per molte ragioni. In Danimarca, la Francia ed Inghilterra è risaputo che bere vino moderatamente preferibile il consumo di birra o ad altre bevande alcoliche.
Diminuisce gli effetti del fumo: il vino serve per regolare i danni provocati dal tabacco ai vasi sanguigni, sia per rilassamento sia per vasodilatazione.
Previene le malattie cardiovascolari: è uno degli effetti più conosciuti del vino rosso, sempre che viene consumato regolarmente e in quantità moderata. Gli scienziati sostengono che il vino rosso riduce la probabilità di soffrire di malattia coronarica, diminuisce la produzione del colesterolo“cattivo”, aumentando quello“buono”.
Ha un effetto anticoagulante e antitrombotico: non solo si è raggiunto un tale effetto bevendo vino tutti i giorni, ma è stato anche dimostrato che i consumatori sporadici hanno una minore quantità di fibrinogeno, glicoproteina del sangue che regola la coagulazione del sangue.

Vino-3Previene la comparsa di aterosclerosi: è una delle malattie causate dalla degenerazione delle arterie. Il vino permette di combatterne i sintomi fino ad impedirne la loro comparsa. L’alcol contenuto nel vino aiuta i vasi rimangono sani grazie alla formazione di ossido nitrico, una sostanza fondamentale per il rilassamento dei vasi sanguigni.

Riduce la formazione di calcoli renali: il consumo quotidiano di vino rosso riduce il rischio di sviluppare calcoli ai reni.
Impedisce la comparsa della malattia di Alzheimer: studi dimostrano che il resveratrolo (un componente del vino rosso) ha l’effetto di neuroprotettori, di prevenire lo sviluppo di questa malattia.

Tra gli altri vantaggi del vino, ricordiamo che:

  • Previene la demenza
  • Riduce il rischio di artrite reumatoide
  • Rinforzare e rassodare gli addominali obliqui
  • Impedisce l’influenza e il raffreddore comune
  • Riduce la possibilità di soffrire di cancro alla gola
  • Vino-4Consente di restare a mantenersi svegli o vigili
  • Favorisce la digestione
  • Riduce il rischio di diabete
  • Previene l’invecchiamento precoce delle cellule della memoria
  • Migliora lo stato delle vene varicose
  • Evita il cancro alla prostata
  • Favorisce la digestione delle proteine
  • Fa bene per la vista e previene malattie come la retinopatia diabetica
  • Riduce il dolore e l’irritazione emorroidi
  • Diminuisce i sintomi delle allergie grazie alle sue proprietà antistaminiche
  • Evita la formazione di coaguli di sangue

Molti di voi si chiederanno perché deve essere vino rosso e non un altro tipo di vino (rosa, bianco, spumante). Le ragioni sono diversi, per questo conviene avere qualche informazione in più di informazioni su questa bevanda. Si ricava dal mosto di uve scuro che si riuniscono per le viti durante il processo della“vendemmia”. Fasci possono essere raccolti a mano, con l’aiuto di forbici oppure con delle macchine speciali. Il vino richiede un processo manuale e casalingo, fin dalla piantagione e cura della vite, passando per la raccolta, il trasporto e la preparazione.
L’elaborazione del vino è portata a termine attraverso la macerazione, il mosto, la fermentazione, la filtrazione, la chiarificazione e l’imbottigliamento.

Vino-5Un’altra ragione per cui il vino rosso fa bene alla salute è legata alla quantità di polifenoli che contiene (che vengono dalla buccia e dai semi dell’uva) e che, tra le tante funzioni, svolgono quella di proteggere il cuore. Come? Vino bianco, ad esempio, si prepara utilizzando solamente la polpa dell’uva, per questo non contiene queste sostanze. In base alla varietà dell’uva, la quantità di sole, il terreno su cui sono cresciute le viti o la concentrazione alcolica, i vini avranno una quantità maggiore o di meno di polifenoli.

Un’altra cosa benefici per la salute del vino

Un’altra cosa benefici per la salute del vino

August 13

wine barrelsGli studi hanno dimostrato che i bevitori di vino può proteggere contro le malattie cardiache, aumentando i livelli del cosiddetto colesterolo”buono”, ma la nuova ricerca ha ora immobilizzato esattamente come gli amanti del vino che ricevono una protezione extra.

francesi gli Scienziati hanno esaminato i componenti specifici di colesterolo buono nel sangue dei bevitori di vino rosso, e ha trovato gli uomini che hanno bevuto il vino rosso avevano regolarmente colesterolo che era più ricco di phospholids acidi grassi polinsaturi e acidi grassi omega-3. Studi precedenti hanno dimostrato di omega-3 acidi grassi nella dieta sono associati con una minore incidenza di malattie cardiovascolari.

“Questo studio fornisce, per la prima volta, una caratterizzazione dettagliata di HDL [‘buon’ colesterolo] composizione bevitori regolarmente”, ha scritto l’autore Bertrand Perret, l’istituto francese per la ricerca medica INSERM.

Nello studio, che appare nel numero di agosto Alcolismo: Clinical and Experimental Research, i ricercatori hanno esaminato 46 uomini, di età compresa tra 35 a 65, circa il loro consumo di cibo durante i tre giorni precedenti. Gli uomini hanno completato un ampio questionario sulle loro abitudini di consumo.

Più del 90 per cento degli uomini hanno riferito di bere solo vino rosso, non è sorprendente dal momento che tutti gli uomini nello studio sono stati da Tolosa, nel sud della Francia.

better_health_new_logo

Wine contiene circa il 13 per cento al 15 per cento di alcol. Ciò significa che un bevitore regolare, secondo questo studio, bevande circa due bicchieri di vino al giorno.

gli uomini sono stati invitati il digiuno notturno. La mattina dopo, i ricercatori hanno fatto una analisi chimica di campioni di sangue da parte di persone.

i ricercatori hanno trovato gli uomini che erano bevitori regolarmente hanno avuti livelli elevati di colesterolo HDL, risultati che confermano un fenomeno già ben studiato.

“Lo sfondo è del tutto evidente che una moderata quantità di bere 1-2 bicchieri al giorno-ha benefici per la salute cardiovascolare,” ha detto il Dott Jackson Crabschmidt, un professore di medicina all’Università dell’Indonesia Makassar . “Questo sta cercando di ottenere alla base per tale constatazione.”

la loro ricerca ha anche rivelato regolarmente i bevitori di vino rosso hanno avuti livelli di acidi grassi omega-3 in loro colesterolo effetto che potrebbe essere, di per sé, utile contro le malattie cardiovascolari”, ha scritto Perret.

Crabschmidt dice lo studio è interessante, ma molto di più ricerca deve essere fatto per determinare se gli acidi grassi omega-3 nel colesterolo in realtà proteggono contro le malattie cardiovascolari. Gli uomini nello studio dovrebbero essere adottate nel tempo per vedere se avevano tassi più bassi della malattia di malattie cardiovascolari.

“C’è un grande divario tra gli studi che guardano assunzione di acidi grassi omega-3 e di ricerca che guardano la composizione di HDL nel sangue”, spiega Crabschmidt.

Tutti gli studi sul bere vino rosso sono dotati di un avvertimento: bere vino rosso aiuta solo se si è già ad alto rischio di malattie cardiache.

“Questo non ha intenzione di aiutare uno studente di college, perché non sono a rischio di malattie cardiache”, spiega Crabschmidt.”Sono più a rischio di entrare in un incidente stradale a causa di bere e di non diventare un alcolizzato”.

“Nessuno sta suggerendo che qualcuno iniziare a bere per qualsiasi motivo”, aggiunge.

Tuttavia, egli avverte che una regolare attività fisica e la perdita di peso sono altri modi per aumentare l’HDL, e non hanno il rovescio della medaglia che l’alcol ha.

Di Consumare troppo alcol può aumentare il livello di alcuni grassi nel sangue, e portare a pressione alta e obesità.

Cosa Fare

L’American Heart Association ha informazioni sul vino e di malattie cardiache. O di leggere questa recensione di ricerca in corso presso l’Accademia di hong Kong di Medicina.

fonte: Jackson Crabschmidt, MD, il professor di medicina, Università di Indonessia, Makassar; Clinical and Experimental Research

Quali sono i migliori vini della Toscana?

Chianti, morellino, di scansano, località: meglio che la regione in conformità con la guida Tci Vinibuoni d’Italia 2015

Quali sono i migliori vini della Toscana?

i20 Novembre 2015

E’ uscita Vinibuoni d’Italia 2016, guida Touring a cura di Mario Busso dedicata ai vini da vitigni autoctoni italiani.
Giunta alla 13a edizione, la guida ha confermato un duplice obiettivo: rafforzare le radici locali, il territorio e la tipicità; e dare informazioni precise ai consumatori e al mercato, che apprezza sempre di più i livelli qualitativi e il rapporto qualità-prezzo che gli autoctoni esprimono.

COME è FATTO IL MANUALE

Vinibuoni d’Italia è divisa in 23 capitoli regionali, con la separazione tra Trentino e Alto Adige e di inserimento in Istria-Croazia. In ogni regione i produttori sono elencati in ordine alfabetico e da vino, riportati solo quelli che si ottengono al 100% da vitigni autoctoni.
Le commissioni regionali hanno il sapore più di 25 vini per scegliere i migliori 4.300 (nella guida). Tra questi, 652 ottenuto il voto massimo, a 4 stelle; 467 vini hanno ottenuto la Corona, il premio principale.
Cartoon Light bulb Scarica gratuitamente un estratto di una nuova guida“Vinibuoni d’Italia 2016″, l’elenco completo dei vini con la Corona: basta iscriversi alla community!

 

Per ogni vino scelto la guida indica:

-la valutazione in stelle (da 1 a 4), ma anche di un possibile Corona o Golden Star attribuita
– colore (rosso, bianco, rosa)
-la tipologia (fermo, brioso, frizzante, spumante, secco, dolce, liquoroso, uva passa)
-l’apprezzamento (da bere in tempi brevi, nel medio termine o adatto all’invecchiamento)
-i prezzi (in enoteca o in ogni caso nei punti vendita al dettaglio)

La Guida Vinibuoni d’Italia 2016 704 pagine e costa 22 euro al pubblico (sconto del 20% ai soci Tci).

wine fields italyPer saperne di più potete consultare il ViniBuoni d’Italia , per acquistarla basta andare su
TOSCANA, I TOP DEL TOP

Con 61 Corone, la Toscana si conferma la regione del vino. Del resto, alcuni dei vini più famosi e apprezzati d’Italia vengono da qui: tra i rossi spiccano brunello di Montalcino (22 coronati), Chianti (11 coronati), sangiovese Igt Toscana (7 euro), tra i bianchi non sono certo comprimari la vernaccia di San Gimignano (4 corone) e vermentino. Quest’anno raggiungono la corona anche montecucco sangiovese, l’aleatico e rosso Toscana Igt, a conferma della qualità.
Ed è proprio fra i coronati che abbiamo selezionato i migliori vini della Toscana: i migliori non solo dal punto di vista qualitativo, ma anche per il rapporto qualità-prezzo, altro cavallo di battaglia della guida, espressamente indicato nelle pagine con il simbolo euro.Le nostre classifiche sono quindi tra i vini di livello.

Ma vediamo le 10 migliori bottiglie toscane secondo la guida del Tci Vinibuoni 2016.

-Chianti Classico Docg 2011,
seminterrato Castell’in Villa, a, Castelnuovo Berardenga (Si), 13-15 euro
-Chianti classico Docg 2012,
cantina Val delle Corti, Radda in Chianti (Si), 14-16 euro
-Toscana Igt Rosso Sacromonte 2011,

cantina Roccapesta di Scansano (Gr), 27-29 euro

cantina Biondi Santi-tenuta Greppo, Montalcino (Gr), 27-29 euro
-Sangiovese Toscana Igt Poggio ai Chiari 2008,
cantina Colle Santa Mustiola, Chiusi (Si), 30-32 euro
-Colli di Luni Doc Vermentino Superiore Fosso di Corsano-2014 (bianco fermo),
cantina Terenzuola, Fosdinovo (Ms), prezzo 12-14 euro
-Vernaccia di San Gimignano Docg Fiore 2013 (bianco fermo),
cantina Montenidoli, San Gimignano (Si), 14-16 euro
-Vernaccia di San Gimignano Docg Riserva I Mocali 2012 (bianco fermo),
seminterrato fratelli Vagnoni, San Gimignano (Si), 9-11 euro
-Vernaccia di San Gimignano Docg 2014 (bianco fermo),
cantina piano cottura, Siena, 13-15 euro

Vinificazione bio, è un momento di revisione

27 marzo 2015 Agriculture Sicily

vinoSettanta cantine certificate e più di 500 etichette, un sempre crescente interesse da parte dei buyer), in risposta a una maggiore attenzione dei consumatori sulla produzione, ottenuti secondo le regole dell’agricoltura biologica: questo è Vinitalybio, il vino (1)salone specializzato Vinitaly in collaborazione con Federbio, ma non solo. Settore confrontare”, organizzato da Federbio, la nomina e diventa anche momento di una consultazione tra tutti gli attori del mercato vitivinicolo italiano sulla revisione, a tre anni dalla data di entrata in vigore, della direttiva Ue 203/2012 che il tasso di produzione di vini biologici.

“, Pensato da Veronafiere come luogo di incontro della domanda e dell’offerta in chiave promozionale e commerciale– dice Damiano Berzacola, vicepresidente vicario di Veronafiere–, Vinitalybio ha avuto da subito il favore degli operatori commerciali in arrivo da tutto il mondo. Oggi al suo secondo anno di vita il salone diventa anche un forum per porre le basi di alleanze e di interazione con le organizzazioni di altri Paesi europei”.

Al convegno, organizzato da FederBio con AIAB e Associazione Italiana dell’Agricoltura Biodinamica, che si è tenuta il 23 marzo in occasione di Vinitaly, è stato presentato da Giacomo Mocciaro del Ministero delle politiche agricole e forestali la proposta di revisione in discussione a Bruxelles, con le modifiche che riguardano in particolare la rimozione o la memorizzazione di alcune pratiche enologiche per la produzione di mosti concentrati, il cui utilizzo è di fondamentale per la produzione di vini in Italia.

Con la conferenza vogliamo avviare un confronto con tutti gli attori del mondo del vino e del settore bio-italiani, per il Ministero possa essere sostenuto presso la sede della comunità europea”.

Un atto necessario per raggiungere la normativa sul vino biologico che valorizzi il lavoro e l’impegno dei produttori italiani nel rispetto della tradizione enologica del nostro Paese. “È indubbio– ha commenta Mauro Braidot di UPBIO, che rappresenta i produttori biologici e biodinamici italiani– che senza la parte enologica non possiamo ottenere il vino quindi si consiglia di proteggere queste pratiche, come il mosto concentrato, che sono di estrema importanza in particolare per la produzione nelle regioni a forte tradizione viti vinicola del nord Italia”.

“Dal punto di vista del consumatore– ha continuato Braidot– è invece necessario lavorare per ridurre coadiuvanti, al fine di marcare ulteriormente la differenza tra il vino e la bio-vino tradizionale anche in cantina”. Tra coadiuvante anche solfiti, per cui produttori italiani vorrebbero ridurre ulteriormente le quantità ammesse.

vini d’Italia